La Via Appia nella Valle di S. Andrea

Valle di Sant'Andrea.
  • Codice: 01509
  • Regione: Lazio
  • Provincia: Latina
  • Comune: Fondi, Itri
  • LocalitÓ/quartiere: Fondi, Itri
  • Localizzazione specifica: Valle di S. Andrea
  • Tipo: POI archeologico-naturalistico
  • Coordinate geografiche: 41.322270° N 13.479070° E

Abstract

Vi troverete a camminare per tre chilometri nelle gole di S. Andrea, uno dei tratti più belli e affascinanti dell'intero percorso, dove si possono ancora riconoscere le testimonianze di duemila anni di storia. Lungo il tracciato si conservano ancora tratti della fase imbrecciata di Appio Claudio (312 a.C.), forse riconoscibile nella doppia muraglia a secco di contenimento. In età augustea, la via venne lastricata con massi poligonali calcarei, mentre risale al 216 d.C. il piancito con massi di basalto vulcanico rinnovato da Caracalla.

Descrizione

In alcuni tratti la strada è da manuale: larga 4,2 metri e fiancheggiata da marciapiedi. Gli interventi di rifacimento più significativi, risalenti alla fine del Cinquecento, si devono al duca di Alcalà, viceré di Napoli per conto di Filippo II di Spagna a cui sono attribuiti
la costruzione di un epitaffio, un ponte rinascimentale, l'acciottolato
guarnito di spina spartitraffico centrale e basoli ricollocati.
Nel 1767-1768 Ferdinando IV di Borbone rifece la sede stradale allargandola a 4,6-4,8 metri, seppellendo il lastricato originale e munendola di strutture per lo scorrimento dell'acqua piovana e di un parapetto che accompagna il tracciato.
Per contenere la strada vennero costruiti imponenti terrazzamenti in opera quadrata (più antica) o poligonale (più recente) ancora visibili per centinaia di metri dalla SS7.

Elenco Risorse Digitali disponibili nell'App

Nessun record trovato

Roadbook associati