Drogheria

Ex drogheria (foto: Appasseggio)
  • Codice: 00133
  • Regione: Lazio
  • Provincia: Roma
  • Comune: Roma
  • LocalitÓ/quartiere: Rione Sant'Angelo
  • Localizzazione specifica: Via del Portico d'Ottavia 1c
  • Tipo: POI storico-culturale
  • Coordinate geografiche: 41.893155º N 12.476899º E
  • Altitudine: 34 m

Abstract

Via del Portico d'Ottavia 1c.
Una vecchia insegna sbiadita è quanto resta a ricordare il negozio del vecchio "fornaro di piazza", Attilio Piperno.

Descrizione

Un'antica insegna sbiadita ricorda una vecchia drogheria che si apriva sulla facciata di Palazzo Manili. Il palazzo fu costruito alla fine del XVI secolo da Lorenzo Manili, un cultore dell'archeologia, che volle esaltare il suo amore per Roma con la lunga iscrizione in latino all'altezza del primo piano, che tradotta così recita: "Nel momento in cui la città di Roma sta rinascendo nella forma antica, Lorenzo Manilio, con amore nei confronti della patria, nei pressi del foro dei Giudei, per sé e per i suoi discendenti, costruì dalle fondamenta questa casa, che nel suo nome si chiama manliana, per quanto almeno gli ha concesso la sua mediocre ricchezza. Nell'anno 2221 dalla fondazione di Roma, all'età di 50 anni, 3 mesi e 2 giorni, fondò la casa il giorno undicesimo prima delle calende di Agosto". Il palazzo affacciava su piazza Giudia, da cui iniziava via di Pescheria, che successivamente, dopo le demolizioni, ha preso il nome di via del Portico d'Ottavia.
Agli inizi del XX secolo, la drogheria era gestita da Attilio Piperno, il "fornaro di piazza". In alcune immagini storiche, si vedono appesi all'esterno del negozio i salami di carne di manzo, vera specialità della rivendita.
In una foto d'epoca, si può vedere che nei pressi era collocata anche una macelleria.

Elenco Risorse Digitali disponibili nell'App

Drogheria: cenni storici (Voce: Massimo Papari)
Via del Portico d'Ottavia. Foto Pace, 1910 (Proprietà Unione delle comunità israelitiche italiane)
Via del Portico d'Ottavia in un'immagine d'epoca